L’Economia della Qualità

La cooperativa Auxilium aderisce a Symbola, la fondazione presieduta da Ermete Realacci che aggrega le aziende e le istituzioni che migliorano il Paese, puntando su innovazione e sviluppo.

La Cooperativa Auxilium aderisce a Symbola, la fondazione presieduta da Ermete Realacci che aggrega le aziende e le istituzioni che migliorano il Paese, puntando su innovazione e sviluppo, bellezza e creatività, capitale umano e territorio.

Per l’occasione c’è stato oggi un bellissimo incontro con Ermete Realacci nella sede Auxilium di Roma al quale hanno partecipato il presidente Pietro Chiorazzo, il fondatore Angelo Chiorazzo, Padre Enzo Fortunato del Sacro Convento di Assisi, il dottor Gianni Bochicchio e Francesco Montingelli, responsabile dell’Assistenza Domiciliare Integrata Auxilium. L’importanza strategica del prendersi cura dei più fragili, per un futuro più sostenibile ed inclusivo del nostro Paese, è stata al centro del dialogo, insieme alla Green economy, alla cultura e alla coesione sociale, che per Symbola sono i principali indicatori per crescere facendo del bene alla collettività e all’Italia.

Ha detto Angelo Chiorazzo: “Voglio ringraziare Ermete Realacci e Symbola, con i quali siamo diventati amici in occasione della firma del Manifesto di Assisi, che per noi rappresenta una svolta epocale sia a livello culturale che spirituale. Il primato della qualità è stato fondamentale nella nostra storia e siamo convinti, come lo è Symbola, che la coesione sociale sia un fattore produttivo fondamentale per l’economia e lo sviluppo”.
“Auxilium è una grande cooperativa che fa un lavoro importantissimo, non solo per le persone assistite ma per l’Italia – ha detto Realacci al termine dell’incontro – L’Italia è forte se fa l’Italia e non lascia indietro nessuno. Ed è forte se la nostra società sta assieme e produce cose belle, cose di qualità, accetta la sfida del futuro e accetta la sfida verde. Sono i fondamenti del Manifesto di Assisi che ci ha fatto incontrare, l’idea che le crisi come la pandemia e la crisi climatica vadano affrontate con una società forte e un’economia a misura d’uomo, ed è quello che ci farà lavorare insieme”.