Le vite di cinque bimbi cucite in una mostra che ci rende più umani