Latronico, un metodo rivoluzionario per affrontare le demenze

Si è svolto a Latronico il convegno “Voglio vivere come persona…!  – Terapie non farmacologiche, servizi territoriali innovativi e flessibili per riconoscere le potenzialità del decadimento cognitivo”. L’articolo del quotidiano La Gazzetta del Mezzogiorno.

Nella splendida cornice delle terme di Latronico, in Basilicata, si è tenuto il convegno “VOGLIO VIVERE COME PERSONA…! – Terapie non farmacologiche, servizi territoriali innovativi e flessibili per riconoscere le potenzialità del decadimento cognitivo”. L’evento, organizzato da Auxilium in collaborazione con il centro ricerche IER (Innovative Elder Research, il comune di Latronico e le terme lucane, è stata un’occasione di confronto importante per addetti ai lavori sulle demenze e un momento di grande arricchimento culturale e umano.

Il convegno, coordinato da Maddalena Chiorazzo, responsabile scientifico RSA Auxilium, è stato aperto dal sindaco di Latronico Fausto De Maria.
Il dottor Ivo Cilesi, fra i massimi esperti sulle demenze, ha illustrato le attuali terapie utili a migliorare la qualità della vita della persona ammalata e quella dei familiari.
Tra i relatori la dottoressa Elena Sodano ha sottolineato la necessità, per chi si prende cura della persona con demenza, di “donare” il proprio tempo. La dottoressa Valeria Panetta, invece, ha illustrato la delicata situazione in Basilicata, che ha un solo centro Alzheimer regionale. La dottoressa Paola Brignol ha raccontato l’esperienza dell’Associazione Insieme a Te Onlus ed ha illustrato Il Virtual Dementia Tour® (VDT®), metodo originale, innovativo e scientificamente provato, ideato dalla geriatra statunitense Beville per generare una maggiore comprensione del tema della demenza, attraverso l’uso di istruzioni e strumenti sensoriali brevettati.

 

Immagini