“La Tunica e la Tonaca” presentato dal cardinale Pietro Parolin

Il Segretario di Stato, il cardinale Pietro Parolin, e il direttore dell’Ansa Luigi Contu presentano il nuovo libro di padre Enzo Fortunato “La Tunica e la Tonaca”.

Una serata straordinaria al Protettorato San Giuseppe di Roma insieme al cardinale Pietro Parolin, a padre Enzo Fortunato, al direttore dell’Ansa Luigi Contu, alla presidente del Protettorato Elda Melaragno e a tanti amici che hanno voluto partecipare alla presentazione del libro “La Tunica e la Tonaca”, che Padre Enzo ha scritto per Mondadori.

Il Protettorato San Giuseppe è da sempre nel cuore della cooperativa Auxilium, per la delicatezza del lavoro che viene svolto quotidianamente con i minori accolti nelle sue case famiglia ed è stato davvero significativo aver potuto presentare il libro di padre Enzo proprio in questo luogo.

Un libro, tra l’altro, che invitiamo a leggere  perché, come ha detto Luigi Contu, è un libro che aiuta a riflettere: “Lo dico perché vedo sempre con maggiore preoccupazione nel mio mestiere, ma in generale nella società, una omologazione culturale, che è la dittatura dell’immagine, del digitale, dei social, che si sta imponendo alle nostre case, alle nostre scuole, alle nostre famiglie. Di fronte all’apparenza, alla mitizzazione dell’abito che indossiamo, la semplicità del saio di Francesco ci insegna che i gesti semplici sono oggi quelli più potenti e rivoluzionari”.

Il Segretario di Stato Pietro Parolin, dopo aver firmato la Bandiera della Pace Auxilium, con la sua proverbiale semplicità e chiarezza, ha emozionato la platea: “Quello che ci offre padre Enzo è una suggestione spirituale, non si tratta semplicemente della comparazione tra due abiti, la tunica di Cristo e la tonaca di san Francesco, quanto la sottolineatura di una affinità che unisce il Maestro e Francesco, che del Maestro è fedele discepolo e un innamorato. Da qui deriva un d’indicazione che può essere valida per la società, per la chiesa, per la politica, per ogni uomo, cioè che dobbiamo essere degli innamorati che hanno a cuore la vocazione che sono chiamati a vivere”. Ha aggiunto il Cardinale Parolin: “Spogliarsi per rivestirsi, per condurre una vita nuova, secondo logiche nuove, una vita che si traduce in stili nuovi di comportamento e di condotta. La situazione che ci troviamo a vivere, con la pandemia che ha provocato tanto disorientamento, ci costringe a cogliere questa opportunità. Perché, come ha detto Papa Francesco, da questa crisi si esce migliori o peggiori”.

Anche le parole di Padre Enzo hanno offerto una chiave per comprendere il presente che stiamo vivendo: “La riflessione parte dalla scoperta che il mantello di santa Chiara è servito a rattoppare il saio di san Francesco. Ed è interessante, perché è da una povertà estrema come quella vissuta da santa Chiara – che però offre con generosità ciò che ha – che nasce una riparazione. Ecco, nessuno di noi è così povero da non poter offrire un sorriso e un gesto di prossimità”. Ha anche detto padre Enzo: “Ognuno nella vita vive momenti difficili, ma se se c’è la consapevolezza di aver fatto il bene, quel bene che nasce dalla rettitudine, se uno pesa la propria vita sull’affermazione ‘tanto vale un uomo davanti a Dio, tanto vale e nulla più’, non può non sentire albergare in fondo al cuore la serenità .”

Mentre, la dottoressa Melaragno ha aperto la serata spiegando la modernità del Protettorato San Giuseppe, un’istituzione che ha più di 100 anni di storia ma che rappresenta oggi un modello nell’accoglienza, nella protezione e nella promozione dei minori.

Un luogo dove molti di Auxilium sono cresciuti professionalmente, come ha detto Angelo Chiorazzo, introducendo e ringraziando gli ospiti. In particolare il Cardinale Parolin: “Grazie eminenza per essere qui, in questi giorni così particolari. Lei è il primo collaboratore del Papa, dica a Papa Francesco che gli vogliamo bene e che preghiamo ogni giorno per lui”.

 

GUARDA IL VIDEO:

Intervento Elda Melaragno, presidente della Fondazione Protettorato San Giuseppe

Intervento di Luigi Contu, direttore dell’Ansa

Intervento del cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato Vaticano

Intervento di Padre Enzo Fortunato

Ringraziamenti e conclusioni di Angelo Chiorazzo, fondatore della Cooperativa Auxilium

Immagini