Il presidente della Banca Mondiale Jim Yong Kim visita il CARA Auxilium di Bari

Il Presidente della Banca Mondiale Jim Yong Kim in visita al Centro Accoglienza Richiedenti Asilo di Bari, l’11 maggio 2017.

Il medico statunitense originario della Corea del Sud, presidente della World Bank dal 2012, ha voluto conoscere tutti i servizi che vengono svolti all’interno della struttura del CARA di Bari gestito da Auxilium dal 2007, soprattutto quelli legati all’assistenza sanitaria, all’assistenza psicologica e all’avvio del percorso di integrazione.

Il CARA di Bari è, infatti, capofila nel progetto della World Bank “Building the evidence base on asylum seekers in Europe” e il Presidente Jim Yong Kim, a Bari in occasione del G7, ha effettuato diversi colloqui con gli ospiti del centro accoglienza durante la visita.

La collaborazione con World Bank aiuta ad avere una visione globale del fenomeno migratorio: oggi nel mondo ci sono 244 milioni di persone migranti, delle quali 65 milioni sono state costrette a fuggire dal proprio Paese. Senza tenere conto della realtà di questo fenomeno su scala mondiale, non lo si può governare con umanità e giustizia a livello nazionale.

Nell’intervista esclusiva che il presidente Kim ha rilasciato al corrispondente da New York de “La Stampa”, alla domanda su quale impressione avesse ricevuto dalla  visita al centro di accoglienza di Bari, ha risposto: «Davvero positiva. È gestito da persone molto serie e preparate. Sono stato anche nella clinica e ho chiesto ai medici come trattano, ad esempio, i casi di tubercolosi o cancro. Gli italiani fanno un lavoro straordinario, offrendo un trattamento umano in condizioni estremamente difficili. Ho parlato con diversi giovani, che vorrebbero restare in Italia e dare un contributo. Uno aveva un business in Nigeria, un altro faceva lo stilista di moda: sono fuggiti perché non avevano più opportunità. Se non diventiamo molto più seri negli sforzi per creare lavoro nei Paesi di origine, questa sarà solo la punta dell’iceberg».

Articolo di La Stampa (clicca qui)

Immagini