Auxilium ricorda Eugenio De Crescenzo

La Cooperativa Auxilium ricorda Eugenio De Crescenzo, vicepresidente di AGCi Lazio e punto di riferimento nel sociale.

Il 28 marzo, per complicazioni causate dal virus Covid-19, è morto a Roma un grande amico della cooperativa, Eugenio De Crescenzo, da tanti anni vicepresidente di AGCI Lazio e vicepresidente nazionale di AGCI Solidarietà. Eugenio era un punto di riferimento autorevole per la cooperazione, per il Terzo settore e per tutti coloro che lavorano nel sociale. Il suo impegno a favore delle categorie più deboli e a rischio emarginazione era iniziato oltre quaranta anni fa a Roma e tutti ricordano la sua competenza, tenacia, gentilezza, umanità. Insieme alla Presidente Nazionale di AGCI Solidarietà Giuseppina Colosimo, stava svolgendo un lavoro appassionato e fondamentale, anche per il cammino verso l’unità che stanno compiendo AGCI Associazione Generale Cooperative Italiane, Legacoop Nazionale e Confcooperative Nazionale.

Il ricordo del fondatore Auxilium e vicepresidente di AGCIi Angelo Chiorazzo: “Siamo addolorati e commossi per la scomparsa di Eugenio, un amico, un esempio e un uomo dal quale imparare tanto. Perché Eugenio credeva nella cooperazione come lo strumento più efficace per costruire una società più giusta e felice, dove le persone nel bisogno non vengono lasciate indietro, che siano disabili, donne in difficoltà, detenuti, persone migranti, chiunque versi in condizione di fragilità personale ed economica”. Aggiunge Massimo Ranù, responsabile del personale Auxilium, che ha lavorato insieme a De Crescenzo in tante occasioni: “Per me in questi anni è stato un maestro, una guida, mi è stato sempre vicino nel mio lavoro, con la sua capacità di mediare e trovare soluzioni. La cooperazione sociale e il Terzo settore gli devono moltissimo”.

Infine, vogliamo condividere le parole commosse di Marino Ianni, presidente di AGCI Lazio, una delle più belle realtà della cooperazione in Italia. Ianni e De Crescenzo la crearono insieme nel 1982: “Oggi tutta la nostra Famiglia AGCI Lazio piange perché ci hai lasciato così presto. Tutti ricorderanno la Tua serietà, la professionalità, la Tua vicinanza alle persone deboli e che soffrono e la disponibilità che hai offerto a tutti coloro che hanno avuto il privilegio di conoscerti”.

Immagini